Un Forum in dialogo con gli operatori pastorali

Il IV Forum dei cristiani LGBT, che si terrà dal pomeriggio di venerdì 15 alla mattina di domenica 17 Aprile 2016 nella Casa di Accoglienza San Girolamo Emiliani dei Padri Somaschi alle porte di Albano Laziale (Roma), si celebra nell’anno giubilare della Misericordia, a 50 anni dalla conclusione del Concilio Vaticano II, e a poca distanza dalla conclusione del Sinodo sulla Famiglia. Meditando su quesi eventi della Chiesa vorremmo porre come una chiave di volta le parole del Santo Padre Francesco: “Nessuna condizione umana è motivo di esclusione“.
Il Forum è nelle nostre intenzioni un luogo teologico nel quale ascoltare, comunicare, discutere. Un luogo a servizio della comunione in questa “periferia” della Chiesa e del mondo omosessuale dove un popolo fa sue altre parole del Santo Padre Francesco: “Le domande di questo popolo, le sue pene, le sue battaglie, i suoi sogni, le sue lotte, le sue preoccupazioni” (messaggio alla Pontificia Università Cattolica Argentina 1-3,9,2015)
Facendo nostre le sollecitazioni pastorali del Vescovo di Parma Enrico Solmi quando scrive che: “una premura particolare deve essere offerta anche alle famiglie che al loro interno hanno una persona con tendenza omosessuale. La Chiesa si pone mettendo a disposizione quanto può aiutare a vivere tale situazione , non priva – avvolte – di domande e di fatiche.
Può maturare in un contesto sereno, un dialogo costruttivo ed anche, insieme, si possono ideare percorsi esistenziali e spirituali specifici per loro e per i loro congiunti. Non si vuole con questo escludere dalla comune vita pastorale, ma, l’esperienza insegna, che in alcune situazioni e fasi della esistenza, anche un cammino specifico può aiutare.
Voglio come Vescovo, non solo dire la mia vicinanza, ma anche la mia comunione con queste famiglie e persone che, come ogni persona e famiglia, sono le prime nel mio cuore e nel mio povero operato.
Così pure mi sento vicino a tutte le persone e i battezzati che sono in una condizione omosessuale. Ho stima della loro persona e spero in un percorso sereno per il bene di tutti. Percorso che si distingua per rispetto, pace, ed anche gioia nel Signore.” (su Vita Nuova, 29 gennaio 2016)
 
Con grande speranza vorremmo che il Forum fosse uno strumento di comunione per tanti operatori pastorali (laici e consacrati) che vogliono mettersi in ascolto e confrontarsi su questo tema di cui poco c’è nei documenti ufficiali della chiesa, ma che è spesso racchiuso nella vita e nei cuori di quei pastori chi hanno accettato di percorrere questa pastorale di “periferia” … ecco perchè vi invitiamo ad esserci, per far ripartire insieme un cammino di dialogo e di ascolto reciproco nella nostra chiesa da troppo tempo interrotto.
Questo cammino, nelle giornate del Forum2016, si articolerà in momenti diversi che alterneranno il confronto e la condivisione in piccoli gruppi, ad altri di testimonianza e di riflessione in plenaria con gli altri partecipanti. Cammino che, a seconda della disponibilità personale, potrà essere percorso in parte o per tutti i tre giorni previsti.

Si comincia Venerdì 15 aprile, dalle 16:30 alle 19:00, con il Pre Forum riservato agli operatori pastorali dove potranno incontrarsi, confrontarsi e conoscersi, che sarà curato dall’equipe di “spiritualità delle frontiere” coordinata da padre Pino Piva sj.

Sabato 16 aprile sarà la giornata in cui fare esperienza di ascolto e confronto nei workshop tematici e negli incontri con alcuni esperti di umanità (psicologi, sacerdoti, teologi).
Il Workshop del mattino, dalle 11:00 alle 13:00, consigliato agli operatori pastorali è quello a cui parteciperanno anche i genitori con figli LGBT, ed è il laboratorio di preghiera: “Chiesa Casa per tutti”, condotto sempre da padre Pino Piva sj. Un momento in cui sperimentare insieme un modo di essere “Chiesa” inclusivo e aperto a tutti.

Nel pomeriggio, dalle 15:00 alle 16:45, gli operatori pastorali sono invitati a scegliere liberamente tra i 6 Workshop tematici proposti che si occuperanno, da varie angolazioni, di: coming out in famiglia, Misericordia, bibbia, gender, di altre famiglie e dei risultati del Sinodo sulla famiglia.

A seguire l’incontro-dibattito in plenaria con lo storico del cristianesimo Alberto Melloni, autore  del saggio Amore senza fine, amore senza fini (Il Mulino),  ed il teologo e filosofo Damiano Migliorini, autore con Beatrice Brogliato del saggio L’amore omosessuale. Saggi di psicoanalisi, teologia e pastorale. In dialogo per una nuova sintesi, (Cittadella Editrice). Modera la discussione Gianni Geraci. Al termine degli interventi dei relatori sono previste domande dal pubblico presente. L’incontro sarà introdotto dalla testimonianza di una coppia di genitori cattolici con un figlio gay.

Domenica 17 aprile gli operatori pastorali presenti saranno invitati a confrontarsi nei vari laboratori su queste tre domande: “Quali difficoltà (pastorali) io vivo? Cosa chiedo alla mia chiesa? Cosa posso fare per aiutare il cambiamento nella mia realtà?“. Le risposte a questi interrogativi ci aiuteranno a scrivere il documento finale del Forum, che sarà inviato a tutte le nostre comunità cristiane, e saranno parte del momento di preghiera finale.

Il Programma del Forum 2016> Clicca qui

Quanto costa iscriversi> Clicca quiIl modulo d’iscrizione on line> Clicca qui

Come arrivare in Auto/Treno/Bus> Clicca qui

Per info>iscrizioniforum2016@gmail.com

 

Insistiamo sulla necessità di differenziare e ripensare la metodologia dell’accompagnamento spirituale, integrandovi la situazione di dubbio o di certezza di chi si interroga sulla propria identità sessuale o di genere. Siamo convinti che questo dovrebbe entrare a far parte dei programmi di formazione di coloro che assumono il ruolo di accompagnatori o “consiglieri” spirituali. Un ascolto prevenuto, timoroso o “normativo” ha effetti negativi su chi desidera seguire Gesù Cristo e confermare la sua vocazione cristiana dentro la Chiesa. Che la fonte ispiratrice delle nostre risposte non siano quindi i nostri dubbi e i nostri timori, ma la nostra fedeltà al Vangelo, il rispetto e l’attenzione che merita ogni persona, e il nostro impegno con la vita – la creazione – in tutta la sua diversità.

 

Da “Esperienze di accompagnamento spirituale di persone cattoliche ed omosessuali” di suor María Eugenia Valdés rscj, del sacerdote gesuita Pedro Labrín sj e dello psicologo cattolico Tomás Ojeda G (Santiago del Cile, 31 maggio 2012)

 

Per approfondire> Viaggio tra le diverse esperienze di pastorale per e con le persone omosessuali in corso nelle nostre comunità cristiane, italiane e straniere.

Annunci